"Ora bisogna fare le riforme attese da anni". Intervista a Luigi Sbarra, 'Famiglia Cristiana' del 29 aprile 2021

Sbarra 3Roma, 29 aprile 2021- “L’Italia si cura con il lavoro: è questo è il messaggio che lanceremo il Primo maggio, Festa dei lavoratori. Prima ci libereremo dal covid, prima restituiremo fiducia e speranza alle persone ed al mondo del lavoro italiano" (...) “Questo è il tempo per avviare le grandi riforme strutturali, dalla pubblica amministrazione, al fisco; è tempo di una rinnovata concertazione tra i grandi soggetti collettivi, il governo nazionale e le Regioni, per negoziare un nuovo patto sociale che metta al centro crescita, sviluppo, lavoro, innovazione, contrasto alle diseguaglianze, sociali e territoriali, ad iniziare da quella tra Sud e Nord del Paese, nella prospettiva di riunificare l’Italia". (...) "Sappiamo che il lavoro debole, il più colpito dalla crisi pandemica è quello giovanile e quello femminile. Cosa ancor più grave è che sette lavoratori su dieci su dieci che hanno perso l’occupazione sono caduti nel pozzo degli “inattivi”, cioè di quelli che non cercano più il lavoro dentro i circuiti istituzionali. E cercarlo per vie informali rischia di alimentare l’economia sommersa e lo sfruttamento". "Occorre mettere in moto crescita e investimenti nelle infrastrutture materiali e immateriali , nell’innovazione e digitalizzazione , nella sostenibilita ambientale ed in una nuova politica industriale , nella sanita – scuola-pubblica amministrazione , nelle politiche sociali . (...) Oggi abbiamo ingenti risorse europee da spendere e possiamo fare tutto questo"

Stampa